-

APRS LogoL'APRS (Automatic Position Reporting System) nasce negli USA e viene presentato al pubblico nella Conferenza sulle Comunicazioni Digitali organizzata nel 1992 dal TAPR (Tucson Arizona Packet Radio), un gruppo che raccoglie membri dell'ARRL (American Radio Relay Ligue, la più grande associazione di radioamatori del mondo) che si occupano di tecnologie digitali applicate al mondo dei radioamatori. Si tratta di una tecnologia di diffusione del tipo "broadcast" (da tutti verso tutti) con lo scopo di diffondere dati in tempo reale ad una rete di stazioni con connesse. (continua...)

Stazione APRS della Sezione ARI di Reggio Emilia

Stazione APRS IQ4RE 144.800 Con centralina meteo
 Dispositivo Roger Barker, G4IDE: UI-View32 Version 25N (S.O. Windows)

LINK AL SERVER

 (...segue) Il protocollo consente poi lo scambio di comunicazioni tra tutte le stazioni presenti, sia direttamente tra loro, sia per trasferimento ritardato (store and forward). Questo sistema non necessita di connessioni "dirette" tra stazione e stazione, ma vengono utilizzate le trame beacon UI per inviare a tutti i possibili utilizzatori la trasmissione dei propri pacchetti. In più sul video del proprio PC è possibile avere la rappresentazione grafica di aree geografiche e su tali mappe vengono sovraimpresse le icone raffiguranti vari oggetti come stazioni utente, stazioni meteo, stazioni digipeater, stazioni mobili, altri oggetti. Il sistema APRS prevede per le stazioni mobili l'abbinamento ad un GPS, cosa che consente l'aggiornamento automatico e continuo delle proprie coordinate, consentendo così il continuo aggiornamento della posizione di un operatore o di un evento su una mappa. È possibile poi l'utilizzo di digipeater (ripetotori digitali) che consentono, senza connessione, la ripetizione del proprio beacon e dei propri pacchetti in diversi e sofisticati modi. Il campo di applicazione prioritario di un sistema di questo tipo è nelle situazioni di emergenza che si vengon a creare in caso di calamità naturali o incidenti, che per le loro particolari conseguenze richiedono l'impiego e l'intervento degli organi di protezione civile. Il sistema APRS consente di vedere su una cartina geografica dove sono dislocati operatori radio e mezzi, di sapere le esatte condizioni meteo di aree ristrette e tante altre informazioni che debbono essere tenute sotto controllo, ad esempio, dai COM (Centri Operativi Misti), ma che possono essere disponibili per ognuno degli operatori sul campo. Il protocollo APRS consente anche, tramite TNC multiporta HF-VHF, la realizzazione di gateway tra aree geografiche molto distanti. Esiste anche la possibilità di collegarsi ad un server internet dal quale prelevare in tempo reale il traffico da altre parti del mondo.

In breve: APRS serve in situazioni di emergenza, per il controllo sul territorio di uomini e mezzi; consente l'invio di brevi messaggi e l'effettuazione di QSO; sul mezzo mobile può essere integrato ed abbinato a GPS; segnala dati meteo, incidenti, calamità e simili (da: CISI, Università di Torino).

Per maggiori approfondimenti si consiglia di consultare la
pagina Wiki dedicata ad APRS.


Associazione Radioamatori Italiani Sez. R. Emilia Via Cella all'Oldo 46 42124 Villa Cella (RE)
 Recapito Postale: CP  217 - 42121 Reggio Emilia Centro c/o Paolo Prandi - Libreria Prandi

C.F. 0000091005010359